Ho adottato un’arnia e tu?

Mentre voi tutti eravate al mare questa fine della settimana io, rimasta a casa a lavorare, ho fatto un regalo a me ed all’ambiente adottando un’arnia. Oramai lo sappiamo tutti che le api, questi splendidi insetti della famiglia delle Apidae (Linneo grazie di essere esistito, e grazie alla tua nomenclatura latina) sono in pericolo: in Italia nel 2007 il 50% della popolazione è scomparsa e nel 2014 si è ridotta del 40% negli Stati Uniti, non sono proprio cifrette ma dati spaventosi al punto tale che Obama, l’anno scorso, ha lanciato una strategia nazionale USA in difesa di questi insetti. In Europa l’EFSA sta cercando di creare una task force per coordinare i risultati delle differenti iniziative, ma, come al solito, siamo ancora a livello di burocrazia.

Le api mi hanno sempre appassionata, sarà per via che sono una società estremamente complessa, sarà per via che chi comanda è una femmina, sarà che gli studi classici mi hanno costantemente richiamato alla mente il fatto che Zeus fosse stato allevato con il miele, che le parole più dolci fossero di « miele » e che la quintessenza dell’operosità e della produttività fosse rappresentate proprio dalle api, descritte con trasporto nel pieno della loro attività nelle Georgiche virgiliane (Georgiche IV, 149-227) e definite “piccoli Quiriti”.

Così, mentre a Bruxelles si decidono sul da farsi, sono molte le iniziative dei privati e delle associazioni di categoria. In Italia la ConApi ha lanciato l’iniziativa Adotta un’arnia e tramite il sito BeeActive.it promuove e sostiene le Buone Pratiche Quotidiane. Ma l’iniziativa che mi ha catturata è quella dell’azienda API E API che promuove Adotta un alveare: versando un contributo di 50 euro si adotta un alveare a distanza, si dà il proprio nome all’alveare e si riceve a casa un corrispettivo di miele pari all cifra versata. Inoltre si concorre a sostenere attivamente l’apicoltore nella difesa e nel mantenimento in vita delle famiglie di api, cercando di incrementarne il numero. Ovviamente non ho potuto resistere! Per cui, care lettrici, mano al portafoglio: quest’inverno il nostro tè sarà dolcificato solo con il nettare degli dei!

Adotta un Alveare:  info AT apieapi.it o +39 349.770 6909

Il miele confezionato da Louis Vuitton, le arnie sono sul tetto della maison
Il miele confezionato da Louis Vuitton, le arnie sono sul tetto della maison. Très chic et parisien.
Le confezioni ingegnose di BE RAW
Le confezioni ingegnose di BEE RAW

creative-packaging-designs-15

Lo straordinario packaging di BZZ HONEY
Lo straordinario packaging di BZZZ HONEY di Backbone branding
Miele di Lusso
Miele di Lusso

 

Katia Meneghini e Thanos Zakopoulos per il progetto che unisce design a Expo "Green Island"
Katia Meneghini e Thanos Zakopoulos per il progetto che unisce design a Expo “Green Island”

 

Katia Loher, giovane e poliedrica artista svizzera trapiantata a New York, per il progetto GREEN ISLAND - Expo 2015 - Milano
Katia Loher, giovane e poliedrica artista svizzera trapiantata a New York, per il progetto GREEN ISLAND – Expo 2015 – Milano

 

The Bee Knees - luxury packaging
The Bee Knees – luxury packaging

Any thoughts?